Conoscenze pratiche sul riscaldamento
  1. Prodotti e servizi
  2. Macchine - HighPerformance
  3. Riscaldamento
  4. Guida alle conoscenze pratiche sul riscaldamento professionale

Guida alle conoscenze pratiche sul riscaldamento

Know how in materia di riscaldamento per il settore commerciale. Qui è possibile informarsi su quale tipo di riscaldatore elettrico si adatta al meglio per quale esigenza professionale.

Che si tratti di un generatore d'aria calda a gasolio diretto, di un generatore d'aria calda a gasolio con camino, di un riscaldatore elettrico o riscaldatore a gas – ogni sistema di riscaldamento mobile ha i suoi vantaggi specifici. Come ausilio nel trovare esattamente la giusta soluzione di riscaldamento per la propria applicazione specifica, in questa pagina vengono presentate le caratteristiche in modo più dettagliato. Si scoprirà anche in quali circostanze è possibile installare un riscaldatore anche fuori casa e come calcolare la potenza termica effettiva necessaria a seconda delle dimensioni dell'ambiente.

I riscaldatori mobili portano temperature piacevoli nelle costruzioni grezze, in magazzino, nell'officina, nella serra o nella stalla. A seconda del luogo di installazione, tuttavia, esistono requisiti molto diversi per i riscaldatori. Si vuole riscaldare un edificio solo durante la fase di costruzione oppure si vuole anche essiccarlo rapidamente? Si tratta di riscaldare cantieri invernali ben areati oppure di portare alla giusta e confortevole temperatura alloggi temporanei, officine o tendoni?

Da Trotec è disponibile il riscaldatore giusto per ogni applicazione – sia per l'acquisto che per il noleggio.


Generatori d'aria calda a gasolio

I generatori d'aria calda a gasolio sono suddivisi in riscaldatori diretti senza camino e riscaldatori indiretti con camino. Di seguito sono riportate le differenze tra i due sistemi e ne vengono soppesati i vantaggi e gli svantaggi.

Riscaldatori a gasolio diretti

Riscaldatori a gasolio diretti

100 % di potenza termica – per l'impiego in ambienti interni ben areati e aree esterne coperte.

In un riscaldatore a gasolio riscaldato direttamente il ventilatore, nell'espellere al termine del processo l'aria riscaldata, emette anche aria di combustione. A tal fine viene innanzitutto polverizzato il combustibile, poi infiammato e bruciato nella camera di combustione. Successivamente, i gas di combustione caldi vengono miscelati con il flusso d'aria principale del ventilatore.

Assieme al calore, i riscaldatori a gasolio immettono direttamente nell'ambiente anche i gas di scarico di combustione. Per questo motivo, i generatori d'aria calda a gasolio diretti non hanno un camino e non sono adatti ad ambienti chiusi privi di una buona areazione (apporto di ossigeno) – soprattutto se frequentati da persone e animali. Poiché durante la combustione viene oltretutto rilasciato circa 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile, i riscaldatori diretti non potranno mai essere utilizzati per l'essiccazione delle costruzioni nel settore edile – la costruzione verrebbe costantemente "umidificata forzatamente"!

Al contrario, i riscaldatori a gasolio diretti sono adatti per l'uso in ambienti interni ben areati o in aree esterne coperte, in quanto forniscono tutto il calore sviluppato. Con questo processo si parla quindi anche di potenza termica del 100 %.

Buono a sapersi: i riscaldatori a gasolio diretti ...

  • sono ideali per l'impiego in ambienti interni ben areati e aree esterne coperte
  • generano una potenza termica del 100 %
  • insieme all'aria di riscaldamento immettono direttamente nell'ambiente anche gas di scarico di combustione
  • non sono adatti ad ambienti chiusi frequentati da persone o animali
  • non possono essere impiegati per l'essiccazione edile, poiché la combustione genera 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile
  • non devono essere impiegati in ambienti in cui sussiste pericolo di incendio dovuto alla presenza di sostanze infiammabili.
Principio di funzionamento dei riscaldatori a gasolio diretti Trotec

Il principio di funzionamento dei generatori d'aria calda a gasolio diretti

Tramite il ventilatore l'aria fredda viene aspirata e condotta all'interno del riscaldatore a gasolio. L'aria viene convogliata sia nella camera di combustione che all'esterno nell'ambiente direttamente circostante e con ciò si riscalda fortemente. In questo processo, oltre all'aria calda, dal cannone per il riscaldamento a gasolio vengono espulsi anche i gas di scarico di combustione.

Dal momento che la potenza termica complessiva viene rilasciata nell'ambiente con un rapporto di 1:1, il coefficiente di rendimento dei riscaldatori a gasolio diretti è del 100 % – condizione ideale, ad esempio, per riscaldare in modo rapido ed efficiente capannoni ben areati, stalle o aree esterne coperte.

Principio di funzionamento dei riscaldatori a gasolio ad infrarossi Trotec

Riscaldatori a gasolio ad infrarossi diretto (senza ventilatore)

Mirata radiazione termica a infrarossi

I riscaldatori a gasolio ad infrarossi mobili garantiscono un calore rapido e mirato nei cantieri, nelle aree dei magazzini o nelle sale d'officina. L'irraggiamento a infrarossi, rispetto ai generatori d'aria calda a gasolio, non scalda l'aria bensì gli oggetti che incontra. In particolare nelle zone con correnti d'aria, dove l'aria calda dei generatori d'aria calda a gasolio verrebbe semplicemente spostata, l'irraggiamento a infrarossi è un'alternativa di riscaldamento efficace – paragonabile al principio di riscaldamento naturale dell'irraggiamento solare. Dal momento che i riscaldatori a gasolio ad infrarossi di solito non hanno un ventilatore, non si solleva polvere durante il riscaldamento. Proprio come per i generatori d'aria calda a gasolio o a gas diretti, anche i riscaldatori a gasolio ad infrarossi immettono nell'ambiente dei gas di scarico di combustione. L'ambiente da riscaldare deve quindi essere ben areato, in modo tale da far fuoriuscire i gas di scarico e assicurare un sufficiente apporto di ossigeno.

Il principio di funzionamento dei riscaldatori a gasolio ad infrarossi diretti

Il riscaldatore a gasolio ad infrarossi dispone di un'ampia piastra in ceramica, che viene fortemente riscaldata dall'interno da una fiamma situata nella camera di combustione. La piastra calda rilascia dunque il calore verso l'esterno in forma di irraggiamento a infrarossi. Dal momento che la potenza termica complessiva viene irradiata nell'ambiente con un rapporto di 1:1, il coefficiente di rendimento dei riscaldatori a gasolio ad infrarossi è del 100 %, proprio come con i generatori d'aria calda a gasolio o a gas diretti.

Buono a sapersi: i riscaldatori a gasolio ad infrarossi diretti ...

  • riscaldano gli oggetti, con il loro irraggiamento a infrarossi, e non l'aria
  • funzionano senza ventilatore e perciò non sollevano ad esempio la polvere
  • sono ideali per l'impiego in ambienti interni ben areati e aree esterne coperte
  • generano una potenza termica del 100 %
  • insieme all'aria di riscaldamento immettono direttamente nell'ambiente anche gas di scarico di combustione
  • non sono adatti ad ambienti chiusi frequentati da persone o animali
  • non possono essere impiegati per l'essiccazione edile, poiché la combustione genera 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile
  • non devono essere impiegati in ambienti in cui sussiste pericolo di incendio dovuto alla presenza di sostanze infiammabili.

Riscaldatori a gasolio con camino (detti anche riscaldatori a gasolio indiretti)

Niente scandalo dei gas di scarico con Trotec Per l'impiego in ambienti interni, i riscaldatori con camino forniscono un calore privo di gas di scarico.

Non importa se negli edifici grezzi in costruzione, in magazzino, nell'officina o nell'agricoltura – l'aria calda dei generatori d'aria calda a gasolio con camino non contiene gas di scarico di combustione. Nei riscaldatori indiretti con camino l'aria da riscaldare viene completamente separata dalla camera di combustione. L'aria viene riscaldata passando accanto a una superficie ingrandita della camera di combustione e allo scambiatore di calore. Il sistema di ventilazione che immette l'aria calda nell'ambiente da riscaldare provvede anche all'aria di combustione necessaria. Eppure i prodotti della combustione vengono scaricati all'esterno attraverso un camino – caratteristica significativa degli "indiretti".

Per ottenere un calore più pulito e al contempo asciutto, si consiglia pertanto l'impiego di riscaldatori a gasolio indiretti. A differenza dei riscaldatori a gasolio diretti, infatti, nell'aria dell'ambiente non perviene né gas di scarico né vapore acqueo. Questi vengono invece scaricati verso l'esterno tramite il camino.

I riscaldatori indiretti sono ideali per gli ambienti in cui è possibile fornire un'areazione limitata e che tuttavia sono frequentati anche da persone e animali. Costituiscono un'opzione valida anche per accelerare l'essiccazione delle costruzioni o in ambienti in cui sussiste pericolo di incendio da sostanze infiammabili.

Buono a sapersi: i riscaldatori a gasolio indiretti ...

  • separano completamente l'aria riscaldata dalla camera di combustione
  • come caratteristica principale, dispongono di un camino
  • a differenza dei riscaldatori a gasolio e a gas riscaldati direttamente, rilasciano i gas di scarico della combustione all'esterno attraverso il camino e non li immettono nell'ambiente interno
  • raggiungono un coefficiente di rendimento compreso tra il 92 e il 95 % circa, in quanto una quantità compresa tra il 5 e l'8 % circa di potenza termica si perde attraverso il camino.
  • producono un calore pulito (privo di fuliggine) e asciutto (privo di condensa)
  • possono essere impiegati in ambienti non areati frequentati da persone o animali 
  • sono adatti per l'accelerazione dell'essiccazione edile
Riscaldatori a gasolio indiretti

Il principio di funzionamento dei generatori d'aria calda a gasolio indiretti con camino

Anche qui l'aria esterna fredda viene aspirata nel cannone per il riscaldamento da un ventilatore. Tuttavia, a differenza dei generatori d'aria calda a gasolio diretti, la camera di combustione (o scambiatore di calore) è completamente isolata dal flusso d'aria in uscita, in modo tale che i gas di scarico e il vapore acqueo generato durante la combustione non possano mescolarsi con l'aria calda immessa nell'ambiente.

I due sottoprodotti indesiderati vengono invece scaricati all'esterno attraverso un camino. Per questo motivo, l'aria pulita e secca dei riscaldatori a gasolio con camino è particolarmente adatta per le aree frequentate da persone o animali, nonché come supporto per l'essiccazione edile.

Tuttavia, il coefficiente di rendimento dei generatori d'aria calda a gasolio indiretti con camino è leggermente inferiore rispetto a quella dei generatori d'aria calda a gasolio diretti senza camino. Poiché nei riscaldatori a gasolio indiretti con camino una quantità di energia termica, variabile a seconda del modello dal 5 all'8% circa, viene scaricata all'esterno attraverso il camino insieme ai gas di scarico e al vapore acqueo, il coefficiente di rendimento risulta tra il 92 al 95 % circa, rispetto al 100 % dei riscaldatori a gasolio diretti senza camino.

Principio di funzionamento dei riscaldatori a gasolio indiretti con camino Trotec

Generatori d'aria calda a gas

Anche i generatori d'aria calda a gas appartengono ai sistemi diretti di riscaldamento senza camino. Immettono nell'ambiente i loro gas di scarico di combustione insieme al calore generato.

Riscaldatori a gas

Economica soluzione di calore immediato per l'impiego in ambienti interni ben areati e aree esterne coperte.

Il gas è un vettore di energia conveniente e leggero da trasportare. I generatori d'aria calda a gas Trotec offrono un insuperabile rapporto qualità prezzo quando si tratta di riscaldare in modo efficace e immediato cantieri ben ventilati, officine, magazzini, garage, stalle, serre o anche aree esterne coperte, tende e postazioni campeggio. Anche la sicurezza è scritta con la lettera maiuscola. Un sensore della temperatura integrato garantisce la protezione dallo spegnimento della fiamma e impedisce la fuoriuscita di gas incombusto. In caso di surriscaldamento, un termostato di sicurezza interrompe automaticamente l'immissione di gas, mentre il ventilatore continua a raffreddarsi. La griglia di emissione dell'aria, con apposita forma, dei riscaldatori a gas Trotec protegge dal contatto diretto con le fiamme e garantisce al contempo un ottimale e voluminoso flusso di aria calda. Con il gas propano i generatori d'aria calda a gas possono essere impiegati anche a temperature molto basse. Il punto di ebollizione del gas propano è a -42 °C. Grazie alla loro struttura estremamente compatta, i riscaldatori possono essere trasportati in modo pratico e in tutta comodità persino nel più piccolo bagagliaio dell'auto.

Per far funzionare il riscaldamento sono necessarie solo una presa di corrente e una bombola di gas propano, poiché il tubo di collegamento e il riduttore di pressione per l'attacco della bombola sono già forniti in dotazione. Dopo averlo messo in funzione, si espanderà un calore avvolgente, poiché il ventilatore integrato assicura un flusso d'aria efficace aspirando l'aria dell'ambiente circostante ed emettendo aria calda. In questo modo è possibile riscaldare velocemente anche locali di grandi dimensioni fino a circa 300 m³. Tuttavia, poiché anche i gas di scarico di combustione vengono emessi nell'ambiente, proprio come per i riscaldatori a gasolio diretti, è assolutamente necessario che l'area da riscaldare sia molto ben areata – soprattutto se frequentata da persone e animali. Contrariamente ai generatori d'aria calda a gasolio, con il riscaldamento a gas non si genera alcun odore di diesel o gasolio. Durante la combustione, tuttavia, viene prodotto circa 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile.

Buono a sapersi: i generatore d'aria calda a gas ...

  • sono ideali per l'impiego in ambienti interni ben areati e aree esterne coperte
  • generano una potenza termica del 100 %
  • insieme all'aria di riscaldamento immettono direttamente nell'ambiente anche gas di scarico di combustione
  • non sono adatti per gli ambienti chiusi
  • non possono essere impiegati per l'essiccazione edile, poiché la combustione genera 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile
  • non devono essere impiegati in ambienti in cui sussiste pericolo di incendio dovuto alla presenza di sostanze infiammabili.
Principio di funzionamento dei riscaldatori a gas della serie TGH-E

Il principio di funzionamento dei generatori d'aria calda a gas diretti

I riscaldatori diretti a gas della serie TGH-E aspirano l'aria dell'ambiente circostante tramite il ventilatore, riscaldano quindi il flusso di aria principale direttamente tramite il bruciatore a gas per rilasciare poi aria calda. Ciò significa che anche i gas di scarico e il vapore acqueo generati durante il processo di combustione vengono espulsi nell'ambiente insieme all'aria riscaldata.

L'ambiente da riscaldare o l'area esterna coperta deve quindi essere necessariamente ben areata, in modo tale che i gas di scarico possano essere espulsi mediante una ventilazione naturale e che l'ossigeno possa circolare costantemente nell'ambiente. A causa del loro elevato sviluppo di umidità durante il funzionamento, i riscaldatori a gas non possono essere impiegati come supporto nell'essiccazione edile.


Riscaldatori elettrici

I riscaldatori elettrici si suddividono in soffiatori d'aria calda elettrici e riscaldatori a infrarossi. Entrambe le varianti presentano vantaggi specifici.

Soffiatori d'aria calda elettrici

Calore comodo, sicuro, pulito e rapido, senza consumo di ossigeno.

Nel settore della costruzione, in magazzino, ai banchi del mercato – nessuno vuole stare al freddo più del dovuto, ancor meno se per lavoro. Ma grazie alle moderne e innovative soluzioni di riscaldamento elettrico, come quelle offerte da Trotec, non c'è più nulla da temere. 

Il motivo per cui i riscaldatori elettrici sono tanto popolari, trova la sua spiegazione nella loro flessibilità d'impiego pressoché illimitata. A buon diritto i riscaldatori elettrici sono indicati come il metodo più sicuro, più rapido e più conveniente per un riscaldamento senza complicazioni. 

I riscaldatori elettrici sono praticamente utilizzabili ovunque, perché rispetto ai generatori d'aria calda a gasolio o a gas a combustione diretta, non consumano ossigeno e non producono gas di scarico di combustione. Non sono necessarie aperture di entrata o di uscita dell'aria – tutto ciò che occorre sono solo gli adeguati collegamenti all'alimentazione elettrica.

Di conseguenza sono utilizzabili a 360 gradi in ogni settore – in progetti edili, in tende da festa, in magazzini e in officine, sulle navi, nelle stazioni di collegamento, nelle stalle, nei garage e negli alloggi provvisori. Soprattutto nell'essiccazione edile, i riscaldatori elettrici vengono impiegati come supporto ai deumidificatori, dal momento che le temperature elevate riducono notevolmente i tempi di essiccazione.

Che si tratti dei classici cavi, di spirali o elementi riscaldanti in PTC – Trotec offre la soluzione di riscaldamento ad alimentazione elettrica adatta alle singole esigenze.

Come soluzione specifica per riscaldare le tende, consigliamo inoltre i nostri HEATBOX. Qui sono disponibili maggiori informazioni su questo sistema di riscaldamento elettrico innovativo!

Buono a sapersi: i soffiatori d'aria calda elettrici ...

  • sono considerati il metodo più sicuro, più veloce e più comodo
  • generano una potenza termica del 100 %
  • non consumano ossigeno
  • non generano gas di scarico di combustione
  • producono un calore pulito (privo di fuliggine) e asciutto (privo di condensa)
  • sono utilizzabili praticamente ovunque senza problemi, anche in ambienti privi di areazione frequentati da persone o animali.
  • sono adatti per l'accelerazione dell'essiccazione edile
  • a seconda delle tariffe energetiche, comportano maggiori spese di gestione per ogni kW di potenza termica rispetto ai riscaldatori alimentati a gasolio o a gas.

In cosa si distinguono i riscaldatori elettrici con elementi riscaldanti PTC in ceramica e riscaldatori elettrici con spirale riscaldante?

Nei due diagrammi che seguono l'elemento riscaldante in ceramica PTC è contrassegnato con (A) e la tecnica a spirali riscaldanti è contrassegnata con (B) .

I termoventilatori Trotec con elementi di riscaldamento in ceramica PTC (A) non solo sono più veloci nel riscaldamento, rispetto alla tecnica a serpentina riscaldante convenzionale (B). A causa del procedimento, emergono inoltre differenze tra i diversi comportamenti di reazione degli elementi riscaldanti.

Nonostante entrambi i dispositivi mantengano la temperatura obiettivo preselezionata (linea arancione) tramite un controllo termostatico che utilizza un regolatore a due punti, nel caso di dispositivi con serpentine riscaldanti questo avviene in maniera decisamente più lenta e con maggiori divergenze rispetto alla temperatura obiettivo desiderata. La causa sta nel diverso comportamento di conduzione elettrica degli elementi riscaldanti. Quando scorre la corrente attraverso le spirali riscaldanti, queste, una volta riscaldate, mantengono sempre lo stesso livello di calore. Per regolare la temperatura ambiente desiderata, quindi, l'alimentazione della corrente viene prima interrotta, cosa che fa raffreddare la spirale, e successivamente viene riattivata dal termostato, in modo che poi si riscalda nuovamente in maniera completa fino allo spegnimento successivo, quando viene raggiunta la temperatura obiettivo impostata. 

Questo "Processo On/Off" comporta delle oscillazioni delle temperature intorno alla temperatura obiettivo desiderata decisamente più elevate rispetto agli elementi riscaldanti in ceramica, perché questi dispongono di una regolazione automatica integrata della temperatura dovuta al materiale.

Più caldi diventano i PTC, maggiore è la loro resistenza alla conduzione elettrica, il che produce un flusso minore di corrente attraverso l'elemento riscaldante e un abbassamento corrispondente della sua potenza termica. Ciò a sua volta ha come conseguenza oscillazioni delle temperature decisamente meno fluttuanti e comporta quindi in generale anche minori accensioni/spegnimenti nel funzionamento comandato a igrostato.

Per questa ragione, con i termoventilatori in ceramica è possibile produrre temperature più uniformi nell'ambiente per processi di lavorazione sensibili alle temperature e per un clima abitativo più piacevole. 

Tuttavia i termoventilatori in PTC (A) non sono adatti per ambienti polverosi (ad esempio con polveri grezze, polvere di costruzione, segatura, ecc.), perché c'è il rischio che la batteria di riscaldamento PTC a maglie strette venga intasata dalla polvere. Ciò bloccherebbe il flusso d'aria e causerebbe il guasto del riscaldatore PTC in ceramica. Pertanto, è necessario verificare regolarmente l'eventuale presenza di sporco nell'elemento riscaldante PTC e, se necessario, pulirlo con aria compressa. I riscaldatori elettrici con tecnologia a serpentine riscaldanti (B) sono quindi più adatti per ambienti polverosi, in quanto non si intasano così rapidamente con la polvere.

Riscaldatori in ceramica PTC
  • Processo rapido di riscaldamento
  • Solo oscillazioni minime nel mantenimento della temperatura obiettivo preimpostata (ca. +/- 2°C)
  • Minore forza e ampiezza del raggio di espulsione dell'aria calda in confronto ai riscaldatori elettrici a spirale. In ambienti di grandi dimensioni si possono formare di conseguenza eventuali zone di temperatura disomogenee
  • Non adatti per ambienti polverosi (ad es. costruzioni, stalle), dal momento che l'elemento riscaldante in PTC a griglia fina può ostruirsi (sono eventualmente necessarie regolari operazioni di pulizia)
  • Adatti a soggetti allergici, poiché le temperature più basse in corrispondenza dell'elemento riscaldante evitano che polvere, capelli o lanugine brucino e quindi non vengono rilasciati nell'aria odori o residui
Tecnica a serpentina riscaldante
  • Processo più lento di riscaldamento
  • Maggiori oscillazioni nel mantenimento della temperatura obiettivo preimpostata (ca. +/- 4°C)
  • Maggiore forza e più ampio raggio di espulsione dell'aria calda In questo modo, anche gli ambienti più ampi vengono riscaldati in modo uniforme
  • Adatti anche per ambienti polverosi (ad es. costruzioni, stalle), dal momento che le spirali riscaldanti non si ostruiscono (non sono necessarie regolari operazioni impegnative di pulizia)
  • Non adatti a soggetti allergici, dal momento che elementi come polvere, capelli o pelucchi, a contatto con gli elementi riscaldanti ad alte temperature, possono bruciare rilasciando così nell'aria odori e residui.

Riscaldatori a infrarossi
TIH 350+ / TIH 650+ – Sistema professionale variabile e flessibile

Riscaldatori a infrarossi

Calore piacevole, mirato e puntuale senza tempo di avviamento – ideale per il riscaldamento delle postazioni di lavoro.

Sia per le operazioni di riscaldamento in container edilizi, officine, magazzini o stalle – i moderni riscaldatori a infrarossi producono calore diretto subito dopo l'accensione, secondo il principio naturale dell'irraggiamento solare. Diversamente dai riscaldatori elettrici tradizionali, i raggi infrarossi non riscaldano l'aria dell'ambiente, ma i corpi e gli oggetti che incontrano come ad esempio le pareti, il pavimento e il soffitto. Questi accumulano il calore più a lungo dell'aria e la restituiscono in forma di radiazione secondaria. Sulla pelle, i raggi infrarossi fanno scattare ad esempio immediatamente una piacevole sensazione di calore.

Il calore intenso a infrarossi viene prodotto con un coefficiente di rendimento del 100 % – pulito, inodore, silenzioso e adatto a soggetti allergici senza sollevamento della polvere. Sia come riscaldatore a parete sia come dispositivo da terra – poiché i riscaldatori a infrarossi funzionano silenziosamente e senza consumare ossigeno, possono essere utilizzati senza problemi anche in ambienti frequentati da persone o animali. A seconda della classe di protezione IP, questi sono impermeabili alla pioggia e alla polvere, risultando così adatti alle aree esterne meno riparate.

Appositamente per l'essiccazione edile:
pannelli radianti a infrarossi – distribuzione uniforme del calore sull'intera superficie

I pannelli radianti a infrarossi professionali si adattano perfettamente all'essiccazione di superfici delle pareti nelle nuove costruzioni o in seguito a danni causati dall'acqua, dal momento che producono un irraggiamento di calore asciutto (privo di condensa) e ad ampio raggio. La muratura massiva, in particolare, può essere essiccata più velocemente rispetto alla deumidificazione classica. Per l'essiccazione di grandi superfici, è possibile combinare in modo veloce e sicuro fino a tre pannelli radianti a infrarossi professionali dei modelli Trotec TIH 350+ e TIH 650+ impilandoli uno sopra l'altro.

Buono a sapersi: i riscaldatori a infrarossi ...

  • sono la soluzione ideale per il riscaldamento mirato delle postazioni di lavoro
  • offrono calore diretto (100 % di potenza termica) senza tempi di riscaldamento
  • non consumano ossigeno
  • non generano gas di scarico di combustione
  • producono un calore pulito (privo di fuliggine) e asciutto (privo di condensa)
  • sono utilizzabili in ambienti interni ed esterni, a seconda della classe di protezione IP
  • possono essere impiegati in ambienti non areati frequentati da persone o animali
  • in forma di pannelli radianti a infrarossi professionali, sono adatti per l'accelerazione del processo di essiccazione edile

Trotec fornisce riscaldatori a infrarossi da 1,2 kW a 20 kW. Qui si va alla panoramica dei riscaldatori a infrarossi e dei pannelli radianti a infrarossi professionali di Trotec.

Confronto rapido: quale tipo di riscaldatore per quale impiego?

Riscaldatori a gasolio diretti (senza camino)

Riscaldatori a gasolio diretti senza camino e riscaldatori a gasolio ad infrarossi

(da 20 kW a 100 kW)

I riscaldatori a gasolio diretti e i riscaldatori a gasolio ad infrarossi sono la soluzione ideale per l'impiego in ambienti interni ben areati dove il calore complessivo sviluppatosi è effettivamente disponibile (rendimento del 100 %).

Importante:
assieme al calore, i riscaldatori a gasolio diretti (senza camino) e i riscaldatori a gasolio ad infrarossi immettono nell'ambiente anche gas di scarico di combustione.

Per questa ragione non sono adatti per ambienti chiusi privi di una buona areazione (apporto di ossigeno), se frequentati da persone o animali.

Inoltre, durante la combustione producono circa 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile e non sono dunque adatti per l'essiccazione di materiali edili. Quindi, quando si utilizzano riscaldatori a gasolio diretti per accelerare l'essiccazione edile, la costruzione, nei casi peggiori, diventerebbe più umida di prima!

Anche in ambienti esposti al pericolo di incendio, in cui vengono stoccate sostanze infiammabili, non possono essere impiegati i riscaldatori a gasolio diretti e i riscaldatori a gasolio ad infrarossi.

Generatori d'aria calda a gas

Riscaldatori a gas diretti

(da 10 kW a 30 kW)

I riscaldatori a gas sono consigliati per l'impiego in ambienti interni ben areati e in aree esterne coperte, dove il calore complessivo sviluppatosi resta effettivamente disponibile (rendimento del 100 %).

Importante:
assieme al calore, i generatori d'aria calda a gas immettono direttamente nell'ambiente anche gas di scarico di combustione.

Per questa ragione, non sono adatti ad ambienti chiusi privi di una buona areazione frequentati da persone o animali.

Inoltre, durante la combustione producono circa 1,6 kg di vapore acqueo per ogni litro di combustibile. I riscaldatori a gas diretto non sono adatti per l'essiccazione edile. Nell'uso di generatori d'aria calda a gas per l'essiccazione edile, la costruzione, nei casi peggiori, diventerebbe più umida di prima!

Anche in ambienti esposti al pericolo d'incendio, dovuto ad esempio alla presenza di sostanze infiammabili, non possono essere impiegati i riscaldatori a gas.

Riscaldatori a gasolio indiretti (con camino)

Riscaldatori a gasolio indiretti con camino

(da 20 kW a 375 kW)

Per creare del calore secco senza scaricare al contempo prodotti di combustione o vapore acqueo nell'aria dell'ambiente, è necessario l'impiego di riscaldatori indiretti (con camino).

Nei riscaldatori a gasolio indiretti, l'aria da riscaldare viene completamente separata dalla camera di combustione e può essere immessa nei relativi ambienti tramite tubi oppure direttamente.

I gas di scarico di combustione invece vengono scaricati verso l'esterno tramite il camino. In questo modo, il coefficiente di rendimento della potenza termica non è del 100 %, come nei riscaldatori a gasolio diretti, ma è compreso tra il 92 e il 95 %, dal momento che una parte dell'aria calda si perde con la fuoriuscita dei gas di scarico attraverso il camino.

I riscaldatori indiretti sono quindi ideali per gli ambienti frequentati da persone o animali e in cui è possibile solamente un'areazione limitata.

Riscaldatori elettrici

Riscaldatori elettrici e riscaldatori a infrarossi

(da 2 kW a 120 kW)

Soffiatori d'aria calda elettrici e riscaldatori a infrarossi sono consigliati come soluzione rapida e comoda di riscaldamento. Serve solamente un adeguato collegamento alla corrente e non si richiederanno dispendi ulteriori di manutenzione, come nel caso dei riscaldatori a gasolio o a gas. Proprio come i generatore d'aria calda a gasolio o a gas, questi offrono un coefficiente di rendimento del 100 % di potenza termica. Durante il riscaldamento, tuttavia, non vengono prodotti né gas di scarico di combustione né vapore acqueo e non viene consumato l'ossigeno. L'impiego in ambienti dove vi soggiornino persone o animali non è un problema.

I riscaldatori elettrici vengono utilizzati spesso in progetti edili, in tende da festa, in magazzini e in officine, sulle navi, nelle stazioni di collegamento, nelle stalle, nei garage e negli alloggi provvisori. I soffiatori d'aria calda sono inoltre adatti come supporto dei deumidificatori nell'essiccazione edile, poiché non rilasciano condensa (vapore acqueo). Con i riscaldatori a infrarossi, per l'essiccazione edile si consigliano i pannelli radianti a infrarossi.

I riscaldatori elettrici, a seconda delle tariffe energetiche, comportano maggiori spese di gestione per ogni kW di potenza termica rispetto ai riscaldatori alimentati a gasolio o a gas.

Rivoluzione nel riscaldamento delle tende e dei capannoni

HEATBOX

Nel riscaldamento di tende e capannoni si può risparmiare fino al 70 % di energia!

I riscaldatori elettrici sono un'ottima soluzione per riscaldare interni, tende o capannoni frequentati da persone, dal momento che funzionano senza gas di scarico di combustione e sono silenziosi. A seconda delle tariffe energetiche, il riscaldamento può tuttavia diventare eccessivamente costoso. Con l'HEATBOX di Trotec si ha la possibilità di risparmiare fino al 70 % dell'energia utilizzata. Ciò significa una notevole convenienza! 

Il principio di circolazione dell'HEATBOX: 

L'uso multiplo del calore negli interni e un'alimentazione proporzionata di aria fresca offrono un potenziale di risparmio molto elevato.

Nei tendoni da festival, nei padiglioni espositivi o negli alloggi temporanei, è assolutamente necessario che venga costantemente fornita aria fresca dall'esterno, in modo che le persone all'interno abbiano sufficiente ossigeno e godano di un clima piacevole. Tuttavia, l'aria esterna in entrata è fredda e deve essere prima riscaldata, cosa che di conseguenza consuma molta energia.

Ed è proprio qui che entra in gioco l'HEATBOX di Trotec, che dispone di allacci per tubi flessibili per l'aria in entrata e in uscita, per un funzionamento regolabile di miscelatura dell'aria da ricircolo. Ciò significa che viene condotta all'interno solo la quantità d'aria fredda di cui si ha effettivamente bisogno. La maggior parte dell'aria calda proveniente dall'interno viene reimmessa attraverso l'HEATBOX come cosiddetta "aria di rigenerazione" e viene nuovamente riscaldata con un apporto di energia notevolmente inferiore. In questo modo si crea un circuito di aria calda che mantiene il calore generato il più a lungo possibile con un consumo energetico ridotto, permettendo al tempo stesso una sufficiente immissione di aria fresca nella tenda.

Avvalersi del calore del corpo umano

Ogni essere umano irradia calore. Tuttavia, il rilascio di calore varia a seconda del numero di persone, della statura, del peso e dell'attività. Ad ogni modo, è possibile sfruttare a proprio vantaggio il calore naturale dei propri ospiti o clienti, perché il calore di base che le persone portano nell'ambiente non ha più bisogno di essere generato dal sistema di riscaldamento elettrico! L'aria interna già riscaldata dalle persone viene invece aspirata nel circuito d'aria calda dell'HEATBOX e riscaldata un po' di più con molta meno energia. Solo la percentuale di aria fresca fredda (ossigeno) proveniente dall'esterno deve essere riscaldata con un elevato apporto di energia. A seconda di come si regola la percentuale di aria fresca fornita dall'esterno tramite l'HEATBOX, si risparmia una quantità corrispondente di energia necessaria per il riscaldamento. Con questo processo è possibile ridurre i costi energetici fino al 70 %.

L'HEATBOX è consigliato anche per il riscaldamento di tende e capannoni senza persone

Nel riscaldamento di magazzini o tendoni per materiale in assenza di traffico di personale, non è necessario fornire aria fresca. Qui è possibile creare un circuito di riscaldamento a massimo risparmio energetico utilizzando con l'HEATBOX il 100 % dell'aria di rigenerazione.  

Un ulteriore vantaggio di HEATBOX: contrariamente ai riscaldatori a gasolio normalmente impiegati, che si accendono e spengono di continuo per raggiungere la temperatura di destinazione, con l'HEATBOX è possibile mantenere la temperatura di destinazione tramite un corretto adeguamento dell'energia e dell'aria fresca.

In questo modo viene creato un clima ambientale costante con stabile concentrazione di ossigeno e di conseguenza un clima generale gradevole all'interno di tende e capannoni. L'insonorizzazione supplementare di HEATBOX garantisce inoltre un tasso di rumorosità ancora più ridotto.

Set ricircolo per l'apporto di aria fresca durante l'impiego di riscaldatori elettrici installati all'interno

Il sistema di riscaldamento a circolazione sopra descritto funziona anche se il riscaldatore elettrico è installato all'interno, ma continua ad aspirare aria fresca dall'esterno tramite collegamento del tubo flessibile. Dunque si consiglia il set ricircolo Trotec come set accessori per entrambi i riscaldatori elettrici TEH 70 e TEH 100.

Gli alloggi abitati necessitano di un regolare apporto di aria fresca. Quando si riscalda con un riscaldatore elettrico installato all'interno, l'areazione attraverso le aperture di porte e finestre comporta un effetto collaterale fastidioso, come le correnti d'aria e i problemi connessi all'umidità. Con il set ricircolo, invece, è possibile organizzare un apporto di aria fresca controllato senza effetti collaterali negativi.

L'installazione è molto semplice: il set composto da due parti consta in un distributore a T e in un adattatore, che può essere avvitato sulla lamiera posta sul retro dei riscaldatori TEH 70 o TEH 100. Un raccordo di aspirazione del distributore a T viene poi dotato di un tubo flessibile per l'aria e quest'ultimo viene portato fuori dalla tenda verso l'esterno. Tramite due raccordi viene aspirata l'aria di rigenerazione dall'ambiente. Il regolatore integrato consente di regolare il rapporto di miscelazione, senza interruzione di continuità.

Nel riscaldamento di tende e capannoni si può risparmiare fino al 70 % di energia!

Buono a sapersi: l'HEATBOX di Trotec ...

  • risparmia nel riscaldamento di tende e capannoni fino al 70 % di energia
  • come sistema di riscaldamento a circolazione, utilizza l'aria di rigenerazione già calda dall'ambiente interno
  • dispone di una regolazione variabile delle percentuali di aria di ricircolo e aria fresca dell'aria calda
  • crea un clima notevolmente più piacevole in tendoni da festival, in padiglioni espositivi o negli alloggi temporanei
  • è resistente alle intemperie per un uso costante in ambienti esterni e protetto contro le manipolazioni da uno sportello di servizio con serratura.
  • riduce il tasso di rumorosità del ventilatore mediante insonorizzazione aggiuntiva
  • è disponibile come accessorio compatibile con i riscaldatori elettrici Trotec TEH 70, TEH 100 e TDE 95.
  • può essere utilizzato in alternativa anche per altri riscaldatori elettrici Trotec posti in ambienti interni come "set ricircolo dell'aria"

HEATBOX – Principi di funzionamento e potenziale di risparmio

Principio di funzionamento dell'Heatbox - esempio A
  • Esempio A mostra uno scenario di riscaldamento "classico". Il regolatore di miscela è impostato su 0% di aria di ricircolo, viene quindi utilizzata esclusivamente aria esterna per riscaldare, che ha una temperatura di 0 °C. Il riscaldatore elettrico utilizzato al livello massimo di riscaldamento 4 (18 kW) produce 38 °C di aria calda, che riscalda la tenda fino a circa 20 °C.
Principio di funzionamento dell'Heatbox - esempio B
  • Nell'esempio B il regolatore miscelatore è impostato su 100 % di aria di ricircolo – viene utilizzata esclusivamente aria di rigenerazione per riscaldare. Visto che ormai l'aria riscaldata viene già utilizzata per produrre aria calda, la potenza termica è significativamente più elevata. In questo modo, dopo il raggiungimento della temperatura obiettivo, è possibile ridurre il livello di riscaldamento del dispositivo di uno o massimo di due livelli, con una riduzione del 66% massimo.
Principio di funzionamento dell'Heatbox - esempio C
  • Esempio C mostra un funzionamento misto al 50 % tra aria esterna e aria di rigenerazione. Anche con una riduzione al livello di riscaldamento 3 (13,5 kW), sfruttando al meglio l'aria di rigenerazione già riscaldata, la tenda può essere riscaldata maggiormente rispetto all'esempio A con pura aria fresca – il che corrisponde a un risparmio energetico del 33 %.
Principio di funzionamento dell'Heatbox - esempio D
  • Esempio D mostra un funzionamento misto al 50 %, che nel livello di riscaldamento 2 (9 kW) raggiunge all'incirca lo stesso risultato di riscaldamento dell'esempio A, che però aveva il livello massimo di riscaldamento con il 100 % di aria fresca, il che corrisponde a un risparmio energetico del 66 %.

L'Heatbox e il set ricircolo sono disponibili sia per l'affitto che per l'acquisto:

Set ricircolo dell'aria: acquista subito sullo shop online Trotec / noleggia direttamente da TKL


Come poter installare i riscaldatori anche fuori casa

Dentro o fuori? La risposta a quale sia la posizione migliore di un riscaldatore mobile, non dovrebbe lasciare dubbi. Non ci sono motivi per non installare in casa il riscaldatore, né dal punto di vista dell'efficienza né dal punto di vista ecologico. A meno che non sia semplicemente troppo grande – ma anche in questo caso abbiamo un rimedio da offrire. Se, nonostante tutto, proprio non c'entra: naturalmente abbiamo l'attrezzatura giusta, pronta per l'acquisto, per il passaggio "dall'esterno all'interno".

Spesso i riscaldatori con potenze superiori a 100 kW vengono collocati, a causa delle loro dimensioni, all'esterno davanti all'edificio da riscaldare. Il riscaldatore qui riscalda l'aria fredda esterna e la soffia all'interno dell'edificio tramite i tubi flessibili per il trasporto dell'aria.

É chiaro naturalmente che, per mantenere un ambiente alla temperatura desiderata, un riscaldatore installato all'esterno necessita di molto più tempo, energia e combustibile di un riscaldatore installato all'interno. Questo perché il riscaldamento avviene sulla base del ricircolo, cioè continua a riscaldare semplicemente l'aria dell'ambiente già riscaldata.

Poiché con l'installazione all'esterno il consumo di carburante è spesso da due a tre volte superiore, Trotec offre sempre per i modelli più comuni, riscaldatori di costruzione compatta. Con una larghezza di soli 80 cm entrano in tutte le normali porte!

Se "all'esterno" è l'unica soluzione

Allora è essenziale affidarsi alla comprovata qualità del marchio Trotec, per ogni cosa, anche per i tubi flessibili per il trasporto dell'aria. I primi due metri del tubo flessibile combinato SP-C per il collegamento ad unità di riscaldamento mobili a gasolio ed elettriche, ad esempio, sono realizzati in tessuto di neoprene particolarmente resistente, progettato per un intervallo di temperatura compreso tra -24 °C e +150 °C. Con una lunghezza standard di 7,6 m, estendibile a piacimento, si resta flessibili in materia di posizionamento del proprio riscaldatore mobile.

A lui piace stare "fuori davanti alla porta"

Questo perché i riscaldatori grandi necessitano di una porzione di gasolio in più: il serbatoio di combustibile a doppia parete TFC 1000, in base alla sua omologazione valida sull'intero territorio federale come contenitore di deposito in conformità a AIII, può essere installato senza restrizioni in tutte le aree esterne – anche nelle zone a protezione dell'acqua! Di serie, i serbatoi sono dotati di tasche per carrelli elevatori e gru e grazie alla loro costruzione impilabile possono essere trasportati rapidamente e in ogni momento. Per proteggerli dalla manipolazione, i serbatoi sono inoltre dotati di coperchi con serratura.

Così è possibile calcolare la potenza termica necessaria:

Calcolatore online

Con il nostro calcolatore di potenza termica è possibile calcolare facilmente in modo comodo e autonomo la potenza termica necessaria per i propri ambienti.

Se si preferisce invece fare il calcolo con carta e penna, abbiamo elencato qui di seguito tutti gli aspetti rilevanti del calcolo della potenza termica.

Oppure basta chiamarci al numero +49 2452 962-160 , saremo lieti di essere d'aiuto!

Vai al calcolatore di potenza termica

Per calcolare la potenza termica necessaria, è necessario disporre delle seguenti informazioni: 

1  Quale temperatura ambientale si vuole raggiungere?

2  Qual è la temperatura esterna minima, attuale o prevista?

3  Quale è il volume totale dell'ambiente da riscaldare?

4  Qual è il coefficiente medio di trasmissione termica (valore U) dell'edificio?

Quale temperatura deve essere raggiunta, dipende dalle esigenze individuali.

Valori U per la pratica

L'elenco seguente mostra i valori U per il riscaldamento degli edifici:

Isolamento molto elevato
(standard di una casa passiva moderna) U = 0,2

Isolamento elevato
(standard di una casa a basso consumo energetico) U = 0,5

Isolamento buono
(nuove costruzioni convenzionali a partire dal 1984) U = 1,2

Isolamento cattivo
(edifici vecchi) U = 3,0

Nessun o quasi nessun isolamento (tende)
U = 4,0


Calcolo della potenza termica per ambienti FINO a 1.000 m³

Per calcolare in modo veloce e forfettario la potenza termica per piccoli ambienti fino a 1.000 m³, è possibile utilizzare la seguente formula:

volume ambientale (Q) x valore U x differenza termica = potenza termica in kcal

Coefficienti di conversione:
1 kcal = 1,16 Watt = 4 BTU / ora

Esempio di calcolo:

Volume dell'ambiente (Q): 1.000 m³
Isolamento cattivo (U): 3,0
Temperatura esterna: -5 °C
Temperatura ambiente desiderata: +12 °C
Differenza termica: 17 °C

Risultato per questo esempio: 
1.000 m³ x 3,0 x 17 °C = 51.000 kcal

Conversione di kcal. in Watt:
51.000 kcal x 1,16  = 59.160 Watt


Calcolo della potenza termica per a ambienti A PARTIRE DA 1.000 m³

Per poter calcolare in modo veloce e forfettario la necessità di potenza termica per grandi ambienti a partire dai 1.000 m³, è possibile utilizzare la tabella sotto riportata.

I valori indicati si orientano sul fabbisogno di capacità per un riscaldamento temporaneo, con un isolamento normale e una temperatura esterna minima di -5 °C.

Diagramma per il calcolo della potenza termica

Esempio di calcolo:

Per riscaldare un volume dell'ambiente di 5.000 m³ con una temperatura esterna media di -5 °C, per raggiungere una temperatura ambiente desiderata di 12 °C dunque con differenza termica di a 17 °C, sono necessari circa 23 Watt / m³

Il fabbisogno termico totale per questo esempio è quindi di 5.000 x 23 W = 115.000 W = 115 kW

Indicazione per il calcolo: 

Con un buon isolamento termico si può ridurre la capacità del 15 %, mentre in caso di isolamento termico meno buono si deve aggiungere il 15 %.

Calcolo della potenza termica per le tende

Per calcolare la potenza termica necessaria per le tende, è possibile – a seconda della superficie della tenda in esame e della stagione – prendere come riferimento la seguente base di calcolo:

Gennaio circa 580 Watt / m²
Febbraio circa 580 Watt / m²
Marzo circa 460 Watt / m²
Aprile circa 400 Watt / m²

Da maggio a settembre circa 320 Watt / m²
Ottobre circa 400 Watt / m²
Novembre circa 460 Watt / m²
Dicembre circa 580 Watt / m²

Note legali / esclusione della responsabilità
Queste note sono state compilate con coscienza al meglio delle nostre conoscenze, ma non possono sostituire la consulenza di esperti professionisti. Per il calcolo dell'effettivo fabbisogno termico, si prega di rivolgersi ai nostri consulenti specializzati. Tutti i risultati del calcolo sono finalizzati unicamente a una stima approssimativa. La Trotec GmbH e la TKL GmbH non sono in nessun caso da ritenere responsabili di danni consequenziali di alcun tipo. L'utilizzo avviene a proprio rischio e pericolo e sotto la responsabilità dell'utente. In aggiunta, hanno validità le condizioni generali di contratto.

Vi consigliamo volentieri! Il vostro contatto Trotec

Siamo a vostra disposizione per una consulenza senza impegno. Il nostro motivato team di assistenza analizzerà le vostre esigenze individuali e proporrà una soluzione di riscaldamento su misura. Grazie alla nostra esperienza pluriennale, possiamo assortire sempre la combinazione di dispositivi migliore per il vostro caso – con le migliori prestazioni al prezzo più conveniente. Saremo felici di ascoltarvi!

Acquisto: +49 2452 962-400   •   Noleggio: +49 2452 962-160   •   E‑mail: info@trotec.de

(siamo a vostra disposizione dal lun. al giov. dalle 8:00 alle 17:30 e ven. dalle 8:00 alle 17:00).

Utilizzate anche il nostro modulo di contatto. Vi risponderemo immediatamente!


Trotec GmbH
Grebbener Straße 7
52525 Heinsberg, Germania

Acquisto: +49 2452 962-400
Noleggio: +49 2452 962-160
Fax: +49 2452 962-200

E-mail: info@trotec.de
www.trotec.de

Trotec