Un must per gli essiccatori edili: Sistema automatico di sbrinamento a gas caldo

Avete ulteriori domande?

Siamo a Vostra disposizione per ogni informazione.

Commerciale: +39 045 6200905
Industria: +39 045 6200905
Consumatore finale: +39 045 6201668

Sistema automatico di sbrinamento a gas caldo

Così un deumidificatore industriale diventa un vero e proprio essiccatore edile

I deumidificatori industriali devono essere dei tipi duri. Gli ambienti d’impiego talvolta rudi e un cambiamento frequente del luogo di utilizzo richiedono un involucro di metallo robusto, ruote o rulli stabili e un tipo di costruzione solida nel suo insieme. Qui gran parte dei deumidificatori industriali disponibili sul mercato dall’esterno praticamente non si distinguono particolarmente da un essiccatore edile. Ma questo vuol dire che ogni deumidificatore industriale è utilizzabile automaticamente anche come essiccatore edile?

Senza sistema automatico di sbrinamento a gas caldo niente idoneità all’essiccazione edile

Tutti i deumidificatori industriali di norma sono dei deumidificatori a condensazione, quindi provocano una condensazione dell’umidità contenuta nell’aria ambientale, per poter raccogliere e scaricare questa condensa. In questo modo, all’aria viene costantemente deumidificata e così diventa più secca.

Affinché l’umidità proveniente dall’aria aspirata possa condensare, la temperatura deve essere raffreddata al di sotto del punto di rugiada. Questo avviene sull’evaporatore dell’essiccatore, che viene raffreddato molto grazie al passaggio di un refrigerante ridotto nella pressione.

Senza contromisure tecniche, questo procedimento di raffreddamento però porterebbe un difetto fatale con se: L’evaporatore inizia a congelarsi con temperature dai 16 °C ai 17 °C e la formazione continua del ghiaccio porterebbe non solo a una costante riduzione della potenza, ma addirittura a un arresto totale del sistema.

Per questa ragione, ogni deumidificatore a condensazione è dotato di un dispositivo per lo sbrinamento regolare dell’evaporatore – il sistema automatico di sbrinamento, e questa è anche la differenza sostanziale tra i deumidificatori industriali e l’essiccatore edile.

Solo perché c’è scritto essiccatore edile, non è detto che ce ne sia uno dentro

I comuni deumidificatori industriali hanno uno sbrinamento spesso elettronico che è comandato a tempo o a sensore, tramite ricambio d’aria, che quindi viene spesso chiamato sbrinamento elettronico: Il compressore si spegne nella modalità di sbrinamento, mentre il ventilatore spesso continua a funzionare e l’evaporatore passa allo sbrinamento del ghiaccio con il calore di scarico del compressore. Questo procedimento è collaudato e di norma funziona bene in ambienti riscaldati con temperature superiori ai 15 °C circa.

Ma se questi essiccatori vengono impiegati in ambienti più freddi – con temperature inferiori ai 15 °C, anche il punto di rugiada è decisamente più basso, cosa che porta a una maggiore formazione del ghiaccio sull’evaporatore, che poi, in caso di dispositivi di sbrinamento dell’aria di riciclo, deve essere costantemente sbrinato a causa della durata prolungata dello sbrinamento. Una deumidificazione regolare praticamente non ha più luogo con questi dispositivi! E nei cantieri dell’Europa Centrale di norma per più di 200 giorni l’anno, almeno nelle ore notturne, ci sono temperature inferiori ai 15 °C.

Per questa ragione, gli essiccatori edili sono dotati di un sistema di sbrinamento completamente diverso – lo sbrinamento a pompa di calore con procedimento bypass. Qui il gas caldo del circuito di raffreddamento viene attivamente utilizzano per ottenere uno sbrinamento veloce ed efficace. Appena inizia il congelamento, si automaticamente una valvola speciale che conduce il gas caldo verso l’evaporatore e si richiude dopo che quest’ultimo è stato sbrinato, in modo che possa continuare il regolare circuito di raffreddamento per l’essiccazione.

Contrariamente allo sbrinamento dell’aria di riciclo, lo sbrinatore automatico a gas caldo consente di ottenere delle fasi di sbrinamento drammaticamente più brevi, cosa che è un presupposto obbligatorio per un deumidificazione dell’aria efficace in aree con temperature basse, come per esempio gli ambienti non riscaldati. Infondo, la vera e propria deumidificazione dell’aria avviene esclusivamente nelle fasi di non sbrinamento degli essiccatori!

In breve: Se state cercando un essiccatore edile, chiedete prima di tutto uno sbrinamento a pompa di calore. Se non c’è, non è un essiccatore edile, semplice!

Il gruppo aziendale  |  Fiera  |  Blog  |  Jobs  |  Contatti  |  Colophon  |  Mappa del sito