Guida per mascherine protettive
  1. Prodotti e servizi
  2. Prodotti ‑ HomeComfort

Dispositivi di protezione delle vie respiratorie e mascherine protettive

Cosa dover osservare nell’acquisto di mascherine di protezione per le vie respiratorie FFP2 / KN95 con filtri per particelle e di mascherine di protezione per naso e bocca.

Mascherine protettive di certificazione europea con efficacia filtrante documentata > 95%.

Nel mezzo di una pandemia, le mascherine sono uno strumento indispensabile per proteggere sé stessi e gli altri, afferma il Prof. Dr. Christian Kähler dell’Università delle Forze Armate Federali di Monaco. Tuttavia, il fattore decisivo per la protezione dalle infezioni è il modo in cui viene applicata e indossata la mascherina e la sua qualità. Tutto quello che è importante sapere su come indossare le mascherine per proteggersi dalle infezioni è disponibile nell’attuale corso online del Prof. Christian Kähler.

In particolare per gli uffici comunali, le autorità e gli ospedali, Trotec ha creato un team di consulenza per tutte le domande riguardanti il coronavirus e l’acquisto sicuro di mascherine europee approvate. Quale azienda con sede ad Heinsberg, conosciamo bene le preoccupazioni e i problemi attuali dell’assistenza sanitaria e siamo lieti di condividere questa esperienza.

È possibile contattare il nostro team di consulenza dal lunedì al venerdì, dalle 08.00 alle 17.00 al numero di telefono +49 2452 962-400. Il nostro team è raggiungibile anche all’indirizzo e-mail info@trotec.de.

Mascherine protettive: quali mascherine sono disponibili presso Trotec e come proteggono

Efficacia protettiva di tipologie di mascherine diverse

La domanda più importante per prima: chi viene protetto da una mascherina?

L’argomento ’mascherina di protezione per le vie respiratorie’ è al momento sulla bocca di tutti. Negli ospedali tra il personale medico. E a casa sul divano – perché vogliamo tornare presto a fare shopping come si deve al sicuro da un’infezione da coronavirus. Oppure, un momento … vogliamo tenere noi stessi al sicuro dagli altri? O proteggere gli altri da noi stessi? Quindi protezione di noi stessi o protezione da noi stessi? O possiamo fare entrambe le cose? Diamo un’occhiata insieme a quel che c’è dietro la mascherina …

La ricerca e le autorità sanitarie partono dal presupposto che i coronavirus si trasmettono principalmente mediante le goccioline e l’infezione da contatto, cioè attraverso la tosse o gli starnuti diretti oppure con il contatto fisico con una persona infetta. Ora, la classificazione delle mascherine riflette questa valutazione in una classifica: il punto di partenza per valutare la qualità di una mascherina è la capacità di ridurre il rilascio di goccioline o di filtrare parzialmente o completamente le goccioline. E questo dipende dall’obiettivo di chi lo indossa: per proteggere sé stessi o per proteggere gli altri. O per la protezione di entrambi.

Sciarpe, foulard, protezioni per il viso cucite in casa

  • non danno a chi li indossa alcuna protezione contro le goccioline emesse dalla tosse e dagli starnuti di una persona infetta
  • almeno però riducono il rischio di «infezione diretta» evitando il contatto della propria mano con naso e bocca
  • rappresentano principalmente una protezione per gli altri, in quanto riducono il rilascio di goccioline proprie in caso di infezione

Mascherina di carta

  • non dà a chi la indossa alcuna protezione contro le goccioline emesse dalla tosse e dagli starnuti di una persona infetta
  • almeno però riduce il rischio di «infezione diretta» evitando il contatto della propria mano con naso e bocca
  • è principalmente una protezione per gli altri, in quanto riduce il rilascio di goccioline proprie in caso di infezione

Protezione per naso e bocca (MNS) e mascherine viso idonee ad uso medico

  • non danno a chi la indossa alcuna protezione contro le goccioline emesse dalla tosse e dagli starnuti di una persona infetta
  • almeno però riducono il rischio di «infezione diretta» evitando il contatto della propria mano con naso e bocca
  • rappresentano principalmente una protezione per gli altri, in quanto riducono il rilascio di goccioline proprie in caso di infezione

Sicurezza: ecco come riconoscere le mascherine di protezione per le vie respiratorie contraffatte

Mascherine contraffatte

Inefficaci mascherine protettive rappresentano un enorme potenziale di pericolo

È risaputo che il mercato europeo delle mascherine protettive è attualmente inondato da mascherine di bassa qualità o persino inutili. Gli esperti stimano che più del 90 % delle mascherine di protezione per naso e bocca (comunemente chiamate mascherine chirurgiche) disponibili sul mercato sono di bassa qualità e in alcuni casi persino pericolose per la salute. Anche i marchi venduti dei dispositivi di protezione respiratoria con filtri per particelle sono sempre più spesso identificati come contraffatti e confiscati. Da tempo l’associazione medica di Osnabrück ha messo in guardia dalle mascherine FFP2 contraffatte senza sigillo di prova!

La lista delle frodi al momento conosciute, delle carenze igieniche e di qualità in relazione alle mascherine di protezione per le vie respiratorie diventa ogni giorno più lunga:

  • Vengono vendute mascherine senza sigillo di prova e senza marcatura CE
  • I certificati, la classe di protezione e le norme di prova sono contraffatte
  • I filtri per particelle sono di bassa qualità o del tutto inefficaci
  • Gli inserti in tessuto non tessuto del filtro sono sostituiti da un inutile tessuto di carta
  • Le carenze igieniche sussistenti già in fase di produzione rendono le mascherine inutilizzabili

Soprattutto nel campo della cura medica le mascherine FFP2 e FFP3 sono irrinunciabili! Le mascherine per il filtraggio delle particelle filtrano goccioline, fumo e particolato dall’aria che respiriamo e sono particolarmente adatte a ridurre il rischio di infezione da coronavirus. Allo stesso modo, le mascherine protettive per uso medico (mascherine chirurgiche) sono disperatamente necessarie in infermeria per proteggere i pazienti, la maggior parte dei quali sono anziani e hanno un sistema immunitario debole. Del resto, se i medici e il personale infermieristico usassero inconsapevolmente mascherine contraffatte, questo condurrebbe al collasso del sistema sanitario, dal momento che sempre più personale medico verrebbe infettato dal pericoloso coronavirus e si assenterebbe dal trattamento e dalla cura dei pazienti.

Occhi aperti nell’acquisto delle mascherine! Come riconoscere le contraffazioni nelle mascherine di protezione per le vie respiratorie con filtri per particelle e nelle mascherine di protezione per naso e bocca di bassa qualità.

Per le mascherine di protezione per le vie respiratorie con filtri per particelle (KN95, N95, DS2, FFP2/FFP3) esiste l’obbligo legale di etichettatura

Il fatto che una mascherina di protezione per le vie respiratorie con filtro per particelle soddisfi i requisiti degli enti di controllo e di certificazione competenti viene verificato mediante una procedura di valutazione della conformità e, se dimostrata l’efficacia, garantito con una marcatura CE. Oltre alla marcatura CE, ci sono una serie di altri obblighi, in particolare per le mascherine di protezione per le vie respiratorie con filtri FFP, prima che possano essere immesse sul mercato.

Importante: l’ufficio di prova e di certificazione è identificato da un codice a 4 cifre dopo il CE. Se questo codice e/o la marcatura CE non sono presenti, si dovrebbe evitare di usare questo prodotto. È possibile testare online l’effettiva esistenza del codice identificativo dell’ufficio di prova riportato sulla pagina web della Commissione europea.

Mascherine di protezione per le vie respiratorie con standardizzazione estera (KN95, N95 o DS2)

Le mascherine di protezione per le vie respiratorie con la designazione KN95, N95 o DS2 sono conformi in molti aspetti alla norma europea. Nell’attuale situazione di crisi, le mascherine di questo tipo sono soggette a una deroga da parte dell’Unione europea.

Le mascherine protettive KN95 conformi allo standard GB2626-2006, approvato da NIOSH42 CFR 84, o JMHLW-2000 possono essere importate anche senza marcatura CE.

È bene affidarsi a un protocollo di prova europeo

Proprio perché il mercato è inondato di mascherine protettive contraffatte, non bisogna fare affidamento solo sulle dichiarazioni del venditore. È bene sempre puntare su un protocollo di prova europeo che certifichi l’efficacia filtrante pubblicizzata del filtro, o affidarsi semplicemente alle mascherine di qualità della Trotec, la cui idoneità è stata comprovata dagli uffici di prova europei.

Su una mascherina protettiva devono comparire le seguenti informazioni

Le mascherine di protezione per naso e bocca di qualità inferiore possono essere identificate subito con la verifica delle contraffazioni a 4 fasi della Trotec!

Se una mascherina di protezione per naso e bocca disponibile in commercio soddisfa gli standard di qualità per una mascherina sicura può essere facilmente controllato con la verifica a 4 fasi della Trotec. Per far questo bisogna «sacrificare» una mascherina, ma forse proprio questa mascherina distrutta salverà noi o molte altre persone dalle gravi conseguenze di un’infezione con il pericoloso coronavirus!

  • La prova della forma

    Le mascherine protettive di alta qualità possiedono una clip per il naso anatomicamente adattabile. La mascherina può essere pertanto adattata alla forma del viso e la clip rimane stabile nella sua forma. Con mascherine di bassa qualità questo spesso non succede, e germi pericolosi possono facilmente essere inspirati ed espirati.

  • La prova dell’acqua

    Le mascherine di qualità sono impermeabili all’acqua e non fanno trapassare l’umidità. Basta utilizzare la mascherina come un filtro per caffè versandovi dell’acqua e facendo muovere l’acqua sulla superficie della mascherina. L’acqua dovrebbe galleggiare sulla superficie interna della mascherina – senza trapassare. Tamponare la mascherina piena d’acqua su un tovagliolo. Se il tovagliolo resta asciutto, significa che mentre si parla la mascherina offre una protezione sicura dall’umidità. Se il tovagliolo si umidifica, significa che il materiale della mascherina è di bassa qualità.

  • La prova degli strati del filtro

    Le mascherine protettive a tre strati utilizzano come strato intermedio un tessuto non tessuto filtrante Meltblown. Strappare la mascherina e controllare lo strato intermedio. Solo le mascherine con un tessuto non tessuto in microfibre filate a caldo hanno anche un’efficacia filtrante e impediscono la penetrazione di germi patogeni. Se invece lo strato intermedio è costituito da semplice carta, allora nella produzione di questa mascherina si è risparmiato sul componente più importante! La funzione del filtro!

  • La prova del fuoco

    La prova principale per le mascherine di protezione per naso e bocca di alta qualità è la prova del fuoco. Perché le mascherine di qualità non bruciano! Un vero tessuto non tessuto in microfibre filate a caldo non è infiammabile. Si squaglia! Diversamente si comportano le mascherine protettive senza filtro in tessuto non tessuto. Queste bruciano a divampate e in tal caso si può star certi che nel produrle non è stato utilizzato un filtro in tessuto non tessuto.

Qualità: mascherine di qualità certificata della Trotec – testate dagli uffici di prova EU

Ne abbiamo la prova scritta!

Le nostre mascherine di protezione per naso e bocca sono state testate nei laboratori di prova europei.

La situazione circa l’approvvigionamento di mascherine di protezione per le vie respiratorie di alta qualità approvate per uso medico resta tesa in tutto il mondo. Le mascherine protettive con filtro per particelle, così urgentemente necessarie, sono difficili da ottenere – o risultano reperibili solo mediante dubbi canali di distribuzione, dove i certificati e i rapporti di prova richiesti sono spesso mancanti o falsificati.

Nel mercato mondiale, mascherine di protezione per le vie respiratorie che siano immediatamente disponibili e che abbiano un’origine tracciabile e una certificazione autentica sono piuttosto una rarità.

E a ragione: chi, come Trotec, aderisce alla procedura usuale di certificazione, ad esempio da parte di TÜV Nord, e fa testare l’efficacia della tecnica di filtraggio da istituti europei indipendenti, si trova attualmente in svantaggio. Le costose prove richiedono tempo e per ragioni comprensibili le mascherine possono essere introdotte nel mercato solo dopo il conferimento di una certificazione.

Per la protezione dei clienti, per ogni spedizione di mascherine protettive in arrivo si esegue nei laboratori di prova indipendenti in Europa una prova campione, al fine di attestarne i requisiti prestazionali come l’efficacia filtrante e la resistenza respiratoria.

TROTEC takes care

Qualità controllata con un extra di sicurezza per la cosa per noi più preziosa: la nostra salute.

Immagini di anteprima Mascherine (non visibile)

Mostra nel webshop Trotec mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso

Mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso, in confezioni da 50, da 150 e da 500 pezzi

Mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso, in confezioni da 50, da 150 e da 500 pezzi

Risparmio: 44%

a partire da: 21,54 € IVA esclusa
Visualizza prezzo lordo, IVA inclusa

acquista subito

Mascherine protettive della Trotec

Le mascherine viso monouso della Trotec soddisfano i requisiti di efficacia della norma GB/T 32610-2016

Abbiamo fatto testare nei centri di prova accreditati la qualità del filtro e la resistenza respiratoria di tutte le mascherine disponibili in magazzino. Queste soddisfano tutti i requisiti di efficienza della norma GB/T 32610-2016

La vestibilità anatomica regolabile e i bordi della mascherina in morbido tessuto non tessuto garantiscono il massimo comfort. Gli elastici flessibili e la clip per il naso regolabile individualmente minimizzano il senso di pressione durante l'uso, in modo tale che anche dopo un uso prolungato le mascherine non risultino scomode.

  • Mascherina viso a 3 strati con tessuto non tessuto filtrante
  • Mascherina protettiva conforme al protocollo di prova di un laboratorio europeo accreditato con particolare riferimento alla pandemia da coronavirus.
  • Soddisfa tutti i requisiti di efficienza della norma GB/T 32610-2016
  • Mascherina di protezione per naso e bocca, di alta qualità e delicata sulla pelle, con elevato grado di comfort grazie agli elastici e alla clip per il naso
Mostra nel webshop Trotec mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso

Mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso, in confezioni da 50, da 150 e da 500 pezzi

Mascherina protettiva a 3 strati, mascherina di protezione per naso e bocca monouso, in confezioni da 50, da 150 e da 500 pezzi

Risparmio: 44%

a partire da: 21,54 € IVA esclusa
Visualizza prezzo lordo, IVA inclusa

acquista subito

Mascherina di protezione per naso e bocca monouso della Trotec
Mascherina di protezione per naso e bocca monouso della Trotec
Mascherina di protezione per naso e bocca monouso della Trotec

Mascherine certificate di produzione tedesca

Le nostre mascherine viso per naso e bocca monouso in tessuto non tessuto filtrante Meltblown di alta qualità sono prodotte in Germania. L’ufficio di prova tedesco fiatec certifica che il materiale filtrante ha un’efficacia di filtraggio del 99,5 % (particelle ≥ 0,3 µm) testata secondo la norma DIN 71460-1.

Con le mascherine viso per naso e bocca monouso prodotte in Germania, offriamo ai nostri clienti un’alternativa alle mascherine "Community" in stoffa. Il tessuto non tessuto filtrante lavorato con tecnica Meltblown viene utilizzato anche nelle mascherine chirurgiche di protezione FFP3 e la produzione della mascherina avviene secondo gli alti standard dell’attuale tecnica di filtraggio.

É bene affidarsi alla sicurezza e alla qualità comprovate di produzione tedesca:

  • manuale di istruzioni in tedesco con illustrazioni aggiuntive
  • Produzione secondo i più alti standard di qualità della tecnica di filtraggio tedesca
  • Efficacia di filtraggio testata in Germania secondo la norma DIN 71460-1
  • Origine controllata e autentica al 100 %!
  • Elevata protezione dagli agenti patogeni per tutta la famiglia

Per la protezione dei nostri clienti vendiamo solo mascherine protettive la cui efficacia di filtraggio è stata testata nei laboratori di prova europei. Con le mascherine della Trotec è garantito l’acquisto di prodotti di sola qualità certificata.

TROTEC takes care

Qualità controllata con un extra di sicurezza per la cosa per noi più preziosa: la nostra salute.

Mascherina viso – Made in Germany
Mascherina viso – Made in Germany
Mascherine viso per naso e bocca monouso, prodotte in Germania
Mascherine viso per naso e bocca monouso, prodotte in Germania
Mascherine viso per naso e bocca monouso, prodotte in Germania
 

Mascherine viso per naso e bocca monouso prodotte in Germania, in confezione da 10 – mascherina Community in tessuto non tessuto filtrante di alta qualità lavorato con tecnica di fusione Meltblown, testata secondo la norma DIN 71460-1.

Le nostre mascherine viso per naso e bocca prodotte in Germania sono fabbricate in tessuto non tessuto filtrante di alta qualità lavorato con tecnica Meltblown, tecnica utilizzata anche per la produzione di mascherine di protezione per le vie respiratorie per uso medico FFP3. Gli ingegneri che eseguono le prove nel centro di prova tedesco fiatec Filter & Aerosol Technologie GmbH certificano un'efficacia di filtraggio del tessuto non tessuto filtrante utilizzato del 99,5 %. Prova di filtrazione delle particelle secondo DIN 71460-1, effettuata a febbraio 2020. Il rapporto della prova è disponibile su richiesta.

É bene non fare affidamento su mascherine Community in materiale con efficacia filtrante limitata o assente. Meglio affidarsi alle mascherine viso monouso di alta qualità prodotte in Germania per una protezione duratura della salute e della famiglia. Grazie alla forma delle cuciture e al taglio speciale, questa mascherina non richiede una clip di metallo per il naso. L'elastico assicura una perfetta vestibilità della mascherina – senza alcun senso di pressione.

Prodotta in Germania, testata in Germania, spedita dalla Germania!

  • Protezione di sé stessi e degli altri in caso di infezioni a trasmissione aerea da aerosol
  • Efficacia di filtraggio secondo DIN 71460-1: per 0,3 µm di > 99,5 % e per 0,5 µm del 100 %.
  • Il materiale del filtro corrisponde al tessuto non tessuto filtrante Meltblown conforme allo standard FFP3.
  • Prodotta in Germania
Caricamento in corso...
Vai direttamente al piano scientifico di misure protettive per le scuole

Normalità, come ritornarvi?
Informazioni per insegnanti e genitori:

dallo scoppio della pandemia tutto è diverso. Siamo giunti a una vita quotidiana mutata nel profondo. Ma la nostalgia della normalità a cui siamo abituati c'è ancora. Ci sono soluzioni che possono rendere la vita scolastica di nuovo più piacevole e semplice per tutte le persone coinvolte?

Per saperne di più qui sono disponibili informazioni su un piano scientifico di misure protettive per le scuole, che potenzia la sicurezza dalle infezioni e porta con sé tuttavia il sollievo nella quotidianità scolastica.

Applicazione: come si applicano e si indossano correttamente le mascherine protettive

Ecco come indossare correttamente una mascherina protettiva

Ecco come indossare correttamente una mascherina di protezione per naso e bocca

L’uso scorretto o negligente di una mascherina di protezione per naso e bocca non aiuta nessuno – a parte il coronavirus! Oltre ad altre misure igieniche, l’uso obbligatorio delle mascherine in tutta la Germania potrebbe essere un elemento prezioso per ridurre ulteriormente il rischio di infezione dal virus. Ma perché ciò riesca, la protezione per naso e bocca deve essere usata e indossata correttamente.

Illustriamo qui cosa è importante nell’applicarla e nell’indossarla – e questo vale in generale anche per la mascherina viso della Trotec.

  • Le mascherine sono chiamate protezioni per naso e bocca per una buona ragione. Perciò bisogna assicurarsi che sia la bocca che il naso siano ugualmente coperti dalla mascherina. Si deve evitare di coprire solo la punta del naso e non si deve mai indossare la mascherina solo sotto il naso.
  • Anche il mento dovrebbe essere completamente coperto. Il bordo inferiore della mascherina dovrebbe preferibilmente estendersi oltre il mento, come è anche previsto e possibile con la protezione per naso e bocca della Trotec.
  • Se la mascherina si inumidisce per via dell’aria respirata, bisogna cambiarla immediatamente. Per verificare un’eventuale penetrazione di umidità, bisogna evitare di toccare la parte anteriore della mascherina. È lì che si trovano i potenziali agenti patogeni!
  • Bisogna assicurarsi sempre che la mascherina non sia troppo allentata. Gli elastici devono essere tesi. Questo è l’unico modo per garantire che essa aderisca bene al dorso del naso e alle guance.
  • Prima di indossare la mascherina e dopo averla tolta, bisogna lavarsi accuratamente le mani. Preferibilmente con il sapone e sempre per almeno 20 secondi.
  • Quando si indossa e si toglie la mascherina, vanno toccati preferibilmente solo i nastri o gli elastici. In nessun caso si deve toccare la parte interna della protezione per bocca.
  • Per chi porta gli occhiali, va indossata prima la mascherina e poi gli occhiali. Questo eviterà che gli occhiali posino sotto la mascherina invece che sopra di essa.

Servizi: disinfezione e utilizzo multiuso di mascherine

Cosa si deve sapere sull’uso multiplo delle mascherine monouso

Le cosiddette mascherine di protezione per naso e bocca sono articoli monouso il cui effetto protettivo, se vengono utilizzate più volte, non è garantito. Anche se virologi quali Christian Drosten della Charité di Berlino sono certi che le mascherine possono essere disinfettate a temperature di circa 80 gradi Celsius in forno – questo trattamento termico non è favorevole alla qualità del materiale! Nel peggiore dei casi, per via dell’uso multiplo gli elastici necessari per il fissaggio si strappano, proprio nel momento sbagliato!

Quando si possono strappare le mascherine monouso?

Le mascherine monouso di protezione per naso e bocca offerte da Trotec consistono in tre resistenti strati di tessuto non tessuto. La mascherina viene fissata dietro le orecchie con degli elastici. Grazie al tessuto non tessuto con fibre lavorate a caldo, che funge da schermo protettivo fisico contro gli aerosol e le goccioline, la mascherina in sé è in gran parte a prova di strappo. Per gli elastici questo vale solo limitatamente! L’uso multiplo fa sì che gli elastici si consumino, si strappino o a volte si stacchino dal tessuto della mascherina. Buono a sapersi: possono sempre presentarsi dei difetti di materiale – ma in tal caso la sostituzione da Trotec è gratuita! I difetti di materiale legati alla produzione non possono mai essere esclusi al 100%, nemmeno con gli articoli monouso. Nel caso delle mascherine di protezione per naso e bocca della Trotec, questa tolleranza del materiale è inferiore al 3 %. Quindi, se un elastico dovesse rompersi durante il primo utilizzo, basta contattare senza esitazioni il nostro servizio di assistenza clienti. In caso di difetti materiali, forniremo naturalmente una sostituzione gratuita!

Ogni pezzo è unico! Questo vale anche per la forma del capo e del viso!

Quando si indossa la mascherina, bisogna assicurarsi che gli elastici non siano troppo tesi. Può sembrare strano, ma non esiste una forma del capo standard. I bambini hanno teste più piccole degli adulti in base alla loro fase di crescita e persone adulte con maggiore peso hanno un viso più ampio di quello dei profili atletici. A seconda della forma del capo e della posizione delle orecchie, nell’indossarle l’elastico è quindi sottoposto a una maggiore o minore tensione.

Per un adattamento ottimale delle mascherine è richiesta un po’ di pratica – quanta più pratica tanta più protezione!

Esercitarsi a indossare una mascherina protettiva davanti allo specchio non è cosa di cui vergognarsi. Al contrario! Una mascherina ben aderente e correttamente indossata protegge in modo più affidabile di una mascherina più o meno aderente, dove i germi che causano malattie possono entrare e uscire dalla parte superiore o inferiore! Quindi: il riutilizzo di mascherine monouso già indossate non è raccomandato e dovrebbe essere ammesso solo in casi di estrema emergenza! La cosa migliore è procurarsi una scorta sufficiente di mascherine, perché il coronavirus ci accompagnerà sicuramente ancora per lungo tempo.

Non utilizzare più volte le mascherine protettive

FAQ: domande più frequenti e risposte sulle mascherine di protezione per naso e bocca e sul loro utilizzo quotidiano!

Le mascherine si disinfettano in microonde? Oppure: le mascherine rendono stanchi e riducono la concentrazione?

Abbiamo raccolto le domande più frequenti sul tema

Corrono molte voci sulla compatibilità delle mascherine con la salute: la mascherina rende stanchi? una mascherina aumenta la concentrazione di CO2 nel sangue? Le mascherine sono pericolose per i bambini?

Di seguito sono disponibili le risposte a queste e ad altre domande!

Le mascherine si disinfettano in microonde?

La maggior parte delle mascherine protettive hanno una clip per il naso in metallo incorporata che genera scintille nel microonde e nel peggiore dei casi può provocare un incendio! Consigliamo quindi vivamente di non utilizzare più di una volta una mascherina destinata all’uso singolo!

Conclusione: i prodotti igienici monouso come le mascherine di protezione per naso e bocca o le mascherine protettive per le vie respiratorie dovrebbero essere usati più di una volta solo in casi di emergenza.

Le mascherine rendono stanchi e riducono la concentrazione?

Sempre e di nuovo viene citato uno studio di 15 anni fa che riguardava specificamente l’indagine sulle mascherine per il personale medico. Medici e infermieri devono indossare mascherine chirurgiche per ore e ore – e non solo per un rapido salto al supermercato. Infatti, inspirare ed espirare sotto una mascherina ben sigillata può aumentare la concentrazione di CO2 nel sangue. Tuttavia, per un’ora di utilizzo, questo ammonta a un aumento del venticinque per cento, che, secondo lo studio, cala «rapidamente» immediatamente dopo la rimozione della mascherina. Ciò non causerebbe irregolarità cardiache o problemi di motricità fine. Solo persone estremamente sensibili potrebbero avvertire una leggera stanchezza.

Conclusione: l’affaticamento supplementare che può verificarsi quando si indossa la mascherina per un periodo di tempo più lungo non è molto significativo in confronto all’effetto protettivo della mascherina. L’effetto di stanchezza non è grave e piuttosto improbabile.

Le mascherine portano più germi nei polmoni di quanti non ne fermino?

Talvolta viene sostenuto che indossare le mascherine «porta i germi nei polmoni». Gli infettivologi degli ospedali universitari, i cui team lavorano quotidianamente con le mascherine, ricusano fermamente quest’affermazione come scorretta e infondata. Non esistono difatti studi sull’aumento delle malattie polmonari tra il personale ospedaliero che indossa regolarmente le mascherine. È importante maneggiare le mascherine solo con mani pulite e solo dai cinturini e dagli elastici, non dalla superficie del tessuto. Inoltre, le mascherine vanno conservate in un luogo pulito anche dopo il lavaggio.

Conclusione: è vero piuttosto il contrario. Una volta che le mascherine vengono pulite adeguatamente e regolarmente e applicate in modo corretto, non portano germi nei polmoni, semmai li proteggono dai germi.

Le mascherine non sono troppo pericolose per i bambini?

Catene di messaggi su WhatsApp avvertono di non fare indossare le mascherine ai bambini al di sotto dei dodici anni, perché i bambini riceverebbero «troppo poca aria» e la concentrazione di CO2 che si viene a creare sotto la mascherina può portare a «paralisi respiratorie». Bisogna sapere, tuttavia, che una paralisi respiratoria centrale è solitamente accompagnata da sintomi che vanno dalla stanchezza all’annebbiamento della coscienza. Quindi, prima di giungere a una rilevante paralisi respiratoria, si noterebbe una insolita stanchezza nel bambino. A questo riguardo gli specialisti notano, tra l’altro, che i bambini con il cancro, ad esempio, e i bambini delle regioni asiatiche spesso indossano mascherine anche per giorni interi senza perdere conoscenza.

Conclusione: su questo punto i medici, sulla base della loro esperienza quotidiana nelle cliniche, scuotono la testa. Non esistono indicazioni di un pericolo né tantomeno prove, dicono all’unisono.

Il rischio di infezione non aumenta quando i bambini giocano con le mascherine?

Thomas Fischbach, il presidente di un reparto di pediatria, ha messo in guardia dall’obbligatorietà delle mascherine per i bambini dell’asilo. Intervistato dai quotidiano del gruppo mediatico Funke, ha sostenuto che molti bambini «considerano una protezione per naso e bocca come un giocattolo, ci giocano e quindi aumentano ancora di più il rischio di infezione».

Conclusione: dal punto di vista della psicologia dello sviluppo, ha senso rendere obbligatorie le mascherine a partire dall’età della scuola primaria. In questo stadio di crescita, i bambini sono solitamente in grado di maneggiare le mascherine in modo ragionevole.

Maggior rischio di infezione a causa di un riutilizzo delle mascherine?
Anche le mascherine contengono sostanze nocive e rappresentano un problema per gli asmatici?

Le mascherine, non contengono anch’esse sostanze nocive?

È stato insinuato che le mascherine in vendita possono contenere sostanze nocive che vengono così inalate. In effetti, bisogna assicurarsi che le mascherine siano dotate di tutti i marchi di prova necessari e che la loro origine sia ben documentata – come nel caso della protezione per naso e bocca monouso di Trotec.

Abbiamo fatto testare nei centri di prova accreditati la qualità del filtro e la resistenza respiratoria di tutte le mascherine disponibili in magazzino. 

Meglio affidarsi quindi alle nostre mascherine di protezione per naso e bocca comprovate, che soddisfano pienamente i requisiti con la loro efficacia di filtraggio del 96,8.

Conclusione: con le mascherine chirurgiche, se non altro, non è stato osservato finora alcun effetto negativo (come l’aumento dei casi di malattie polmonari tra i medici e il personale della clinica), anche per lunghi periodi di tempo.

Indossare una mascherina non costituisce un problema per gli asmatici?

Più e più volte ci si chiede se indossare una protezione per la bocca non possa causare problemi agli asmatici. I medici di terapia intensiva che sono stati consultati su questo argomento lo negano fermamente, a condizione che l’asma non sia dovuta a un’allergia ai componenti della mascherina. Gli asmatici dovrebbero quindi prestare attenzione naturalmente al materiale di cui è fatta la loro mascherina.

Conclusione: con l’asma e altre patologie respiratorie croniche in fase iniziale, indossare la mascherina non dovrebbe causare alcun problema per la maggior parte dei pazienti. Questi hanno già una bassa pressione dell’ossigeno e per questo attuano più respiri. Ciò riduce piuttosto ancora di più la concentrazione di CO2 nel sangue.

Le mascherine aiutano anche quando le persone infette tossiscono fortemente?

Gli scettici amano indicare i recenti esperimenti pubblicati negli «Annals of Internal Medicine» come argomento contro l’obbligatorietà delle mascherine e la loro efficacia. Nello studio dei ricercatori di Seoul, quattro pazienti Covid 19 della Corea del Sud hanno tossito cinque volte ciascuno su una capsula di Petri posta a 20 centimetri davanti ai loro volti. La prima volta, i pazienti non hanno indossato alcuna mascherina, la seconda volta una mascherina chirurgica, la terza volta una mascherina di cotone e la quarta volta nuovamente senza alcuna protezione. Il risultato: né le mascherine chirurgiche né quelle di cotone hanno efficacemente filtrato la Sars-CoV-2 quando i pazienti infettati hanno tossito. Tuttavia, gli infettivologi non considerano questo studio una prova dell’inefficacia reale delle mascherine: essi sostengono che non ci sono quasi mai situazioni di vita reale in cui le persone tossiscono direttamente. Le mascherine servirebbero soprattutto per catturare le goccioline quando si parla. L’uso della mascherina, dunque, è appropriato nella maggior parte delle situazioni rilevanti per prevenire le infezioni.

Conclusione: l’efficacia generale delle mascherine è stata ampiamente dimostrata da tempo, per i pazienti affetti dalle malattie infettive della SARS e per l’uso privato.

Le mascherine proteggono da tutte le vie di trasmissione del coronavirus?

Secondo le conoscenze attuali, la cosiddetta infezione da goccioline è una delle principali vie di trasmissione nella popolazione. Una mascherina è considerata una barriera fisica, almeno per le goccioline (> 5 µm di diametro), e quindi protegge dalle grandi gocce che vengono emesse con il parlare. 

Un’altra via di infezione è l’infezione per via aerogena attraverso gli aerosol presenti nell’aria della stanza. Gli aerosol sono minuscoli nuclei di goccioline (<= 5 µm di diametro) espulsi quando si tossisce, si starnutisce o si parla, che restano sospese nell’aria per molto tempo a causa del loro peso ridotto. Se una persona infettata dal coronavirus tossisce o starnutisce, gli aerosol contaminati dal virus vengono rilasciati attraverso una mascherina di protezione per naso e bocca nell’aria della stanza, dove restano sospesi, infettivi, per diverse ore. Solo le mascherine di protezione per le vie respiratorie con filtri per particelle filtrano questi piccoli aerosol dall’aria e proteggono dall’inalazione delle particelle infettive. Le mascherine di protezione per naso e bocca o le mascherine improvvisate cucite in casa, d’altra parte, non offrono alcuna protezione contro le particelle trasportate dall’aria. 

Nell’infezione da contatto (chiamata anche infezione diretta), il virus viene trasmesso attraverso una catena di contatti. Qui, una mascherina offre solo una protezione limitata di una precisa area del viso, ma non degli occhi.

Conclusione: le mascherine protettive con filtri per le particelle offrono la migliore protezione contro le goccioline infettive e gli aerosol. Tuttavia, si dovrebbe anche fare attenzione agli occhi ed evitare di strofinarsi gli occhi con le dita non lavate.

Le mascherine aiutano anche quando le persone infette tossiscono fortemente?

Mascherine protettive di certificazione europea con efficacia filtrante documentata > 95%.

In particolare per gli uffici comunali, le autorità e gli ospedali, Trotec ha creato un team di consulenza per tutte le domande riguardanti il coronavirus e l’acquisto sicuro di mascherine europee approvate. Quale azienda con sede ad Heinsberg, conosciamo bene le preoccupazioni e i problemi attuali dell’assistenza sanitaria e siamo lieti di condividere questa esperienza.

È possibile contattare il nostro team di consulenza dal lunedì al venerdì, dalle 08.00 alle 17.00 al numero di telefono +49 2452 962-400. Il nostro team è raggiungibile anche all’indirizzo e-mail info@trotec.de.

Gestione professionale della crisi – supportata dalla Trotec di Heinsberg

Mascherine di protezione per naso e bocca monouso

Caricamento in corso...